Countdown per la prima produzione italiana assoluta di  Mary Poppins il musical in arrivo al Teatro Nazionale Che Banca! dal prossimo 13 febbraio.

Lo scorso 25 gennaio si è svolta la conferenza stampa di presentazione della versione italiana del musical che è  diretta da Federico Bellone e prodotta da WEC (World Entertainment Company). Riadattamento dei racconti di P. L. Travers e del celebre film di Walt Disney con Julie Andrews del 1964, la versione teatrale di Mary Poppins, creata da Cameron Mackintosh su libretto di Julian Fellowes (Oscar per Gosford Park e creatore di Downtown Abbey)  è stata portata in scena con successo nel West End (2004) e a Broadway (2006). Alle celebri musiche dei fratelli Sherman sono stati aggiunti nuovi brani scritti appositamente da George Stiles e Anthony Drewe.”Questa versione teatrale – spiega Federico Bellone – è soprattutto la storia di una famiglia, sulla riscoperta dei sentimenti e la possibilità di vedere le cose come quando si era bambini”. La traduzione e l’adattamento del libretto sono di Alice Mistroni, la traduzione e l’adattamento dei versi delle canzoni di Franco Travaglio. Grande importanza agli effetti speciali curati da Paolo Carta (direttore artistico di Gardaland per otto anni) che consentiranno a Mary Poppins di volare in teatro e di estrarre di tutto di più dalla sua celebre borsa. Le scenografie, crossover tra il Technicolor e gli acquerelli infantili, sono di Hella Mombrini e Silvia Silvestri, che hanno anche realizzato un’imponente casa Banks alta ben 8 metri. I costumi sono di  Maria Chiara Donato, le luci di Valerio Tiberi e le coreografie di Gillian Bruce.

Mary Poppins il musical prevede un cast di 30 artisti e 6 piccoli attori (che si alternano nei ruoli di Michael e Jane Banks) in cui spicca il meglio del panorama musical italiano: Davide Sammartano (Bert), Alessandro Parise (George Banks), Alice Mistroni (Winifred Banks), Simona Patitucci (Mrs. Corry) e naturalmente la Mary Poppins italiana Giulia Fabbri, che oltre ad aver dichiarato il suo amore smisurato per il personaggio, ha confessato di aver usurato la videocassetta del film fin da piccola. Ecco l’intervista a Giulia Fabbri che ho realizzato per voi.

Condividi: